Cerca
  • Dario

PRESERVARE L’EFFERVESCENZA DELLE SODE

Ogni giorno vengono serviti litri e litri di bevande gasate, sia alcoliche (prosecco, birre, ecc) che analcoliche (cola, tonica ecc).


Buona parte di queste bevande sono utilizzate anche in miscelazione per preparare cocktail come lo Spritz, l'Americano, Cuba Libre, oppure il Gin Tonic (che ora va proprio di moda). In questo articolo vi svelerò qualche piccolo trucco legato al servizio di queste bevande.


Nulla che l’esperienza non ci abbia già insegnato, ma almeno saprete il perché dal punto di vista scientifico!


Innanzitutto una bevanda è effervescente (frizzante) perché al suo interno c’è dell’anidride carbonica (CO2) disciolta che, in seguito ad un drastico calo di pressione (apertura del tappo), torna in fase gassosa, formando le tanto apprezzate bollicine. La presenza della CO2 può derivare dal processo di fermentazione, come nel caso del prosecco, dello champagne o della birra, oppure può essere aggiunta durante la fase di preparazione della bevanda, come nel caso di acqua tonica, delle cole o della semplice soda o seltz.



La solubilità in acqua, a temperatura ambiente (20°C), è di 1.45 grammi per litro. Poiché è un gas, la solubilità in acqua segue la curva di solubilità inversa: minore è la temperatura del liquido (solvente), maggiore sarà la quantità di CO2 (soluto) che è possibile disciogliere. Questo è esattamente il contrario di quello che accade quando si vuole sciogliere un solido in un liquido come, per esempio, il sale o lo zucchero nell’acqua.

Conoscendo questa proprietà possiamo trarre una importante conclusione riguardante il servizio e l’utilizzo delle sode al bar: è importantissimo servirle e utilizzarle ben fredde. In questo modo limiteremo la perdita di effervescenza anche quando miscelate nei drink. Chiaramente non mi riferisco ai vini frizzanti (serviti in purezza), dove è molto importante rispettare la temperatura di servizio consigliata, perché la percezione di alcuni aromi potrebbe essere inibita dalla temperatura troppo bassa.


Bisogna far attenzione anche ai prodotti di lavaggio e ai tipi di bicchieri che si utilizzano, in quanto alcuni prodotti come brillantanti possono influire sulla dispersione dell'anidride carbonica e i bicchieri stessi se sono di un vetro o materiale poroso possono causare un accelerazione dell'effervescenza della bibita causando la sgasatura molto rapida e far risultare appunto un cocktail privo di effervescenza.


Un’altra accortezza da mantenere è quella di versare le sode delicatamente, tenendo la bottiglia vicino al bicchiere. Gli urti, uniti alla drastica diminuzione di pressione, causano una massiccia fuoriuscita della CO2 con conseguente perdita di effervescenza.


La pratica di far scivolare una soda lungo il bar spoon è puramente scenografica e dannosa. Far scivolare una soda lungo il barspoon la sgasa molto velocemente perché il bar spoon è pieno di punti di nucleazione. Inoltre i bar spoon sono sempre a contatto con le mani, quindi non sono del tutto igienici.





63 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti